GIADA S/S 2018

Le sperimentazioni visive delle opere cianografiche di Susan Weil e di José Betancourt segnano l’incipit della ricerca estetica di Gabriele Colangelo per la primavera-estate 2018 di GIADA.
Immagini fotografiche sfalsate, intinte in un blu primario, lasciano emergere ritratti paesaggistici e botanici destinati a diventare l’elemento iconografico della collezione e a costruire un immaginario prezioso.Le cromie sono pure e sussurrate. Il grigio in tutte le sue sfumature e il bianco dominano la scena, lasciando progressivamente spazio a tonalità stemperate. Il giallo, il rosa o il verde, diluiti da una punta di bianco, si fondono con il tono caldo del paprika, amalgamandosi in sfumature pittoriche. Stampe botaniche si innestano progressivamente sui capi, mimando le forme dei…
Leggi l’intero articolo su: http://lagoblublog.blogspot.com/2017/11/giada-ss-2018.html



Altri post interessanti:

Sammydress

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *